KINDERGARTEN SLUDERNO

Con il termine wayfinding si intende la capacità degli individui di imparare, ricordare, seguire un percorso che attraversi l’ambiente fisico tra un luogo ed un altro. Per favorire la riconoscibilità degli spazi da parte del bambino andrebbe prevista una suddivisione in zone distinte (atrio, zona giochi, corridoi) sottolineandone la diversità per colori, materiali ed atmosfere. Negli ambienti destinati ai bambini è necessario predisporre di vetrate e di porte con pannelli vetrati, collocati ad un’altezza tale che si allinei con quella degli occhi del bambino. E’ importante che le figure utilizzate come landmarks abbiano caratteristiche che riportino a figure semplici, con pochi dettagli e colorati. I bambini hanno bisogno di ambienti percettivamente ricchi e variati che stimolino con moderate variazioni i loro sensi. Queste considerazioni ci hanno portato a pensare all’architettura come il mezzo per fornire un adeguato ambiente sensoriale, creando ambienti di media complessità e unità cosicchè non appaiano nè monotoni nè caotici. Abbiamo quindi cominciato con il pensare alla totalità dello spazio a disposizione e subito a “privarci” dello spazio utile a garantire la buona vivibilità dell’edificio ed un rapporto dinamico con il contesto urbano di Sluderno. Il secondo passo è stato quello di dare ai ragionamenti fatti in precedenza: il sistema dei percorsi interni ed esterni hanno dato vita ad una serie di ulteriori sottrazioni dal volume originale creando così quattro spazi che abbiamo identificato come dell’educazione. Al centro di questi volumi abbiamo inserito i due spazi fondamentali per la vita di gruppo e l’esperienza del bambino: il giardino coperto e la sala polifunzionale.

Project: Kindergarten Sluderno
Client: Comune di Sluderno with UAO
Year: 2012
Status: Competition
Location: Schulderns – Italy
Site: Basement / Groundfloor / First Floor
Program: Mixed use
Area: 2000 sqm

grafico-livelli2
GRAFICI-NO-PIANTA
R21_HR_ph_sito
R22_HR_ph
ULTIMO-GRAFICO_2
212
216